La mia piena solidarietà al mondo della scuola che scenderà in piazza domani 30 maggio



La mia piena solidarietà al mondo della scuola che scenderà in piazza domani 30 maggio. Troppe le ingiustizie che questo governo sta perpetrando in danno del personale scolastico. Uno sciopero più che giusto!Il Governo Draghi con una serie di provvedimenti sta per danneggiare tutto il mondo della scuola, a partire dai tagli alle cattedre. Questo comporterà non solo meno posti di lavoro, ma anche una riduzione delle supplenze e delle immissioni in ruolo. I tagli della spesa pubblica in questo settore in generale porteranno una serie conseguenze ai lavoratori del comparto scolastico e ai nostri alunni. Pertanto lo sciopero di domani è più che motivato. Il Governo inoltre ha offerto agli insegnanti un aumento degli stipendi vergognoso, soprattutto alla luce dell’aumento del costo della vita che porterà la retribuzione media dei docenti italiani lontano dalla media europea. Il corpo docente deve avere un contratto dignitoso per il lavoro che svolgono. Draghi governa a colpi di decreti senza confrontarsi con nessuno, esautorando il Parlamento delle sue prerogative, come accaduto con il decreto legge 2598, predisposto senza dibattito e il coinvolgimento degli attori sociali, nemmeno i docenti che sono i destinatari passivi delle disposizioni. Questioni così importanti non si affrontano con un decreto, mi auguro che la formazione e la valorizzazione dei docenti, finanziate dal Pnrr, siano stralciate. Sono pienamente d’accordo con quanto detto durante l’audizione in Senato dall’Associazione nazionale docenti. Assurda una premialità una tantum da riconoscere a non più del 40% di coloro che ne abbiano fatto richiesta, in funzione di una graduazione degli esiti della valutazione finale, è valutata dall’alto e pensata da altri, lontani dalle realtà delle scuole. Tutto ciò mortifica il lavoro dei docenti.Renzi ha smantellato la scuola, questo governo è molto più subdolo e tranne noi nessuno si sta opponendo a queste scelleratezze. Purtroppo domani per impegni istituzionali non potrò essere presente, ma spero in una grande partecipazione. Sono vicina ai sindacati e ai docenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.