La mancata partecipazione al dibattito parlamentare è un brutto segnale per la democrazia e per i cittadini



Questa foto è emblematica di come sia caduto in basso il parlamento. La mancata partecipazione al dibattito parlamentare è un brutto segnale per la democrazia e per i cittadini.Ieri ad inizio della discussione generale sulla Legge di Bilancio tra i banchi mancava persino il governo. Anche questa mattina l’aula è semivuota. La differenza tra ieri e oggi è solo la presenza del Governo.Tutto ciò accade perché il Parlamento ha perso la sua funzionalità, oltre gli interventi di facciata, i giochi veri, quelli che contano, sono fatti altrove. Il Governo prende le decisioni più importanti in altre stanze, non coinvolgendo minimamente i parlamentari. Purtroppo a pagarne le spese sono e saranno i cittadini.Quel poco che si è deciso a livello parlamentare, la maggioranza ne ha discusso in maniera segreta decidendo quali emendamenti dovessero essere approvati o meno. Questa è la peggiore manovra finanziaria mai vista. I miei emendamenti sono stati tutti bocciati senza giustificarne il motivo. Pensate che avevo presentato un emendamento che ribadiva l’applicazione di un altro emendamento che era stato già approvato nella manovra dell’anno precedente e permetteva di avere più docenti specializzati con tfa sostegno immessi in ruolo. Questo per garantire un’inclusione vera e non demandare ogni anno al solito rito di incarichi annuali.Assisteremo in questi giorni, fino all’ approvazione definitiva della Legge di Bilancio, che avverrà con il rituale ormai voto di fiducia, al solito spettacolo adatto solo alle tv e ai social, infilandoci dentro, senza poter toccare palla, anche la programmazione del P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.