Criticità negli ospedali dell’agro Sarnese Nocerino, arriva la risposta alla mia interrogazioneCriticità negli ospedali dell’agro Sarnese Nocerino, arriva la risposta alla mia interrogazione

0 Comment


Il 13 Maggio scorso ho presentato un’articolata e precisa interrogazione sulle criticità degli ospedali dell’agro Sarnese-Nocerino ( http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText… ). E’ arrivata la risposta. Una risposta del tutto incompleta che non risponde nel merito a quasi nessuna delle eccezioni che ho sollevato a tutela della salute pubblica e per sollecitare interventi a favore di una sanità che garantisca adeguati servizi. L’unico punto dove il Ministero ha cercato di dare una parvenza di risposta è stata sui concorsi. Al mio intervento che sottolineava che le procedure concorsuali procedono a rilento e privano della direzione alcuni reparti negli ospedali del territorio, mi è stato risposto nel concreto, semplicemente, che le procedure concorsuali sono ripartite. Se si pensa che in alcuni casi, si tratta di procedure avviate nel 2019, ovvero due anni fa, abbiamo la consapevolezza che al Ministero della Salute va bene così, quindi a loro poco importa della qualità del servizio sanitario offerto in Campania.Ciò a dimostrazione che nonostante la recente uscita dalla procedura di commissariamento regionale l’occhio deve restare ancor più vigile.L’obiettivo cui devono aspirare tutti i livelli di governo, da quello centrale e a quelli locali, è il miglioramento dei servizi offerti ai cittadini. E una gestione all’acqua di rose degli ospedali del nostro territorio non può di certo agevolare uno sviluppo in questa direzione.

Di seguito la risposta del Ministero della SaluteSenato della Repubblica12^ Commissione “Igiene e salute”seduta del 8 luglio 2021, ore 8.30 svolgimento dell’interrogazione parlamentare n. 3-02514 della Sen. Luisa Angrisani Con riguardo alle questioni poste con la interrogazione in esame, la Giunta Regionale della Campania-Ufficio Legislativo del Presidente, ha trasmesso i dati acquisiti presso l’Azienda Sanitaria Locale di Salerno, concernenti le misure adottate a livello territoriale negli ambiti delle strutture ospedaliere indicate nell’atto ispettivo.In merito al Servizio di Emodinamica inserito nella rete IMA, operante nel Presidio Ospedaliero “Umberto I°” di Nocera Inferiore, l’Azienda-ASL Salerno ha precisato che tale Servizio è attivo nelle 24 ore ed è organizzato su turni in presenza di 12 ore (8-20), con reperibilità notturna e nei giorni festivi e prefestivi (20-8).Malgrado la presenza di soli 4 dirigenti medici, il Servizio ha un volume di attività di circa 1.200 prestazioni erogate, di cui circa 600 angioplastiche coronariche, 200 angioplastiche primarie in corso di infarto e 50-60 casi di interventistica strutturale cardiaca. I lavori per la realizzazione di 2 Sale di Emodinamica sono terminati in data 5 febbraio 2021: effettuati i collaudi delle apparecchiature, si sta potenziando il personale del Comparto con infermieri e tecnici di radiologia.L’ordine di servizio disposto in data 7 aprile 2021 intendeva sopperire alla carenza di Medici nel Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero “Umberto I°”, in attesa dell’espletamento dell’avviso di selezione pubblica a tempo indeterminato indetto dall’ASL Salerno l’8 gennaio 2021 per 6 dirigenti medici per la Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza, nonché per l’avviso di selezione pubblica a tempo determinato indetto il 12 aprile 2021. Infatti, il Pronto Soccorso dell’Umberto I° serve un bacino di utenza di circa 400.000 abitanti, oltre ai pazienti provenienti dalle zone limitrofe dell’area sud del napoletano.In considerazione dei circa 70.000 accessi annui al Pronto Soccorso, viene assicurato un modello organizzativo congruo ed appropriato, sia riguardo ai dirigenti dell’Area Medica sia a quelli dell’Area Chirurgica, con la presenza di almeno 4 medici per ciascun turno di servizio ed il supporto del personale infermieristico e degli operatori sociosanitari.Pertanto, le disposizioni di servizio adottate per garantire tale organizzazione hanno una valenza di carattere temporaneo, e saranno revocate non appena verranno completate le procedure concorsuali per integrare il personale medico.Inoltre, per il Presidio Ospedaliero Umberto I° è in atto un piano di ristrutturazione e riqualificazione delle seguenti Unità Operative:Blocco Operatorio dell’U.O. di Ginecologia/Ostetricia;Blocco Operatorio delle U.O. di Chirurgia ed Oculistica;Reparto dell’U.O. di Neurochirurgia;Reparto della Terapia Intensiva Cardiologica. Sono altresì in corso le procedure rivolte alla realizzazione di nuovi ambulatori, di moduli di terapia intensiva per casi di Covid-19 per 8 posti letto, nonché di un modulo per le vaccinazioni anti Covid-19. Di recente è stato inaugurato il nuovo Reparto di Ortopedia. L’ASL Salerno sottolinea che il già citato ordine di servizio del 7 aprile 2021 non ha, pertanto, inteso prefigurare ipotesi di depotenziamento, limitazione e chiusura delle attività assistenziali erogate dal Presidio Ospedaliero di Pagani.Al contrario, nel 2020 è stato approvato il finanziamento per l’istituzione del Servizio di Radioterapia in tale sede ospedaliera.Il Presidio Ospedaliero di Pagani è una struttura ad indirizzo oncologico, per cui oltre al completamento del Progetto Esecutivo dell’Unità Operativa Complessa (UOC) di Oncologia e l’esecuzione della progettazione dell’UOC di Ematologia, presso tale Presidio Ospedaliero insistono le attività delle seguenti UOC:Anatomia ed Istologia Patologica;Chirurgia Generale ed Oncologica, in regime di ricovero ordinario, day surgery ed attività ambulatoriali, con un modulo di Senologia;Dermatologia ad indirizzo oncologico, con attività in day hospital ed ambulatoriale;Ematologia, in regime di ricovero ordinario, day surgery ed attività ambulatoriale;Oncologia, in regime di ricovero ordinario, day surgery ed attività ambulatoriale, con erogazione di termo ablazione e radiofrequenza. Inoltre, sono operanti presso il Presidio Ospedaliero di Pagani le Unità Operative Semplici di Anestesia e Rianimazione, di Terapia del Dolore e di Diagnostica Ematologica. Sono presenti, altresì, i Servizi di Laboratorio, con un Centro TAO, di Cardiologia e di Radiologia, ed è attivo nelle 24 ore un Punto di Primo Intervento. Pertanto, nel Presidio Ospedaliero di Pagani non sussiste alcun depotenziamento, strutturale o organizzativo, né vi sono chiusure o limitazioni a discapito delle prestazioni erogate. Al contrario, la volontà espressa dalla Direzione Strategica dell’ASL di Salerno è quella di proseguire nelle procedure di potenziamento ed ampliamento di detto Presidio. Per quanto riguarda il Presidio Ospedaliero “Mauro Scarlato” di Scafati, l’ASL di Salerno ha precisato che tale struttura, in epoca “pre Covid-19” era ad indirizzo Pneumologico. Dal marzo 2020 detto Presidio è stato individuato come Polo Covid-19 dell’ASL, e le attività erogate sono state riconvertite e rimodulate per la presa in carico e l’assistenza dei pazienti colpiti dal virus SARS/Cov2. In esito ai lavori strutturali, sono stati individuati 14 posti letto per Pneumologia-Covid, 18 posti letto per Malattie Infettive-Covid, 6 posti letto per Terapia Intensiva e 6 posti letto per Terapia Semi Intensiva Covid. Inoltre, sono stati attivati i seguenti servizi: Pronto Soccorso Covid, Servizio di Dialisi per pazienti Covid positivi, Servizio di Laboratorio e Radiologia Covid. In merito al Presidio Ospedaliero “Martiri di Villa Malta” di Sarno, il Direttore Medico del Presidio ha segnalato che, nonostante il proprio impegno a dirigere due strutture ospedaliere situate a 200 km di distanza l’una dall’altra, all’interno della struttura “Martiri di Villa Malta” sono state implementate e potenziate varie attività organizzative e strutturali, fra le quali, in particolare:attivazione del Reparto di Lungodegenza, con 10 posti letto in regime di ricovero ordinario,attivazione di 4 posti letto in regime di ricovero ordinario nella U.O.S.D. di Otorinolaringoiatria, con sedute operatorie settimanali;attivazione di 6 posti letto di assistenza semi intensiva negli ambiti delle attività della U.O.C. di Medicina;attivazione di 4 posti letto per osservazione breve intensiva in Pronto Soccorso;attivazione del Servizio di Foniatria; attivazione di un Servizio Ambulatoriale di Oncologia, in collaborazione con la U.O.C. di Oncoematologia del Presidio Ospedaliero di Pagani;attivazione presso la U.O.C. di Ostetricia e Ginecologia di Corsi di accompagnamento alla nascita, nonché di un Servizio per la riabilitazione del pavimento pelvico, e acquisizione delle apparecchiature per esami di Urodinamica;configurazione di un punto vaccinale anti Covid-19 di riferimento per gli abitanti nei territori di Sarno, Pagani, San Marzano e San Valentino Torio. Riguardo alle procedure concorsuali per la copertura dei posti di Direttore delle U.O.C. di Medicina Generale dei Presidi Ospedalieri di Nocera, Sarno, Battipaglia ed Eboli, tuttora “in itinere”, come pure le procedure concorsuali per il conferimento di incarichi di Direttore di U.O.C. “Facenti Funzione”, il Direttore Generale dell’ASL di Salerno ha precisato che la grave emergenza sanitaria causata dall’evento pandemico da SARS-Cov-2 ha determinato un rallentamento di talune attività, e la finalizzazione di ogni sforzo organizzativo e programmatico al contrasto ed alla gestione della pandemia.

Al momento attuale, le citate procedure concorsuali sono state riattivate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *