Coronavirus: la situazione della sanità in Campania



La Regione Campania investe in Ospedali da campo, mentre mancano sicurezza e prevenzione nelle strutture sanitarie dell’Agro Sarnese Nocerino e dell’Irno.

Rispetto alle numerose segnalazioni che ci sono giunte e alle ultime vicende che hanno interessato anche l’ospedale di Sarno, abbiamo chiesto all’ASL maggiori rassicurazioni per quanto riguarda le strutture sanitarie dell’agro Nocerino Sarnese e della Valle dell’irno. È importante che venga garantita la salute degli operatori e dei pazienti, i percorsi di accesso devono essere ben separati da quelli per pazienti con possibile infezione da covid-19.

Ora più che mai l’Asl Salerno deve assolutamente assicurarci che tutto venga fatto in massima sicurezza e secondo i protocolli. Non tolleriamo alcuna scusa, non ci sarà nessuna motivazione valida, se anche un solo paziente o operatore si infetterà. Anche la chiusura, seppur temporanea, del pronto soccorso dell’Ospedale “Martiri di Villa Malta”, è una notizia preoccupante. Non possiamo permetterci di non essere in grado di assistere chi ha bisogno per altre emergenze, oltre il covid-19.

Basta con le approssimazioni, si gioca con la pelle dei cittadini. Questo monito vale per tutte le strutture sanitarie, che siano di Sarno, di Pagani, di Mercato San Severino o qualsiasi altro avamposto a difesa della salute pubblica.

Ecco la nota stampa a seguito della segnalazione che ho inviato all’Asl e alla Regione Campania insieme ai portavoce Virginia Villani Michele Cammarano Annalucia GrimaldiSantino Desiderio – Consigliere comunale M5S Pagani Giuseppe Sarconio – M5S Scafati

“Nello spirito della massima collaborazione e del senso di responsabilità che deve prevalere in tutti noi in questo momento, abbiamo ritenuto opportuno scrivere al presidente Vincenzo De Luca e al Direttore dell’Asl di Salerno Mario Iervolino in merito alla criticità in cui versano le strutture Ospedaliere. In primis, vi sono dei disagi al presidio ospedaliero di Sarno dove non è stato attrezzato il prefabbricato per la gestione dei casi a rischio contagio da Covid 19 e anche la tendostruttura presenta dei problemi – dichiarano le Parlamentari Virginia Villani e Luisa Angrisani, il Consigliere regionale Michele Cammarano – Dai presidi di Nocera Inferiore, Sarno, Pagani, Mercato San Severino e Scafati inoltre, vi sono numerose segnalazioni di carenza di Dpi sufficienti per il personale sanitario e quello del settore pulizia a manutenzione”.

“Ora più che mai bisogna assolutamente assicurarci che tutto venga fatto in massima sicurezza e secondo i protocolli: non tolleriamo passi falsi e non permetteremo il contagio di personale sanitario o dei pazienti. Non possiamo mettere a rischio la vita dei cittadini”: concludono i rappresentanti M5S “In una regione di 6 milioni di abitanti, i posti in terapia intensiva sono passati da 470 a 335, la metà di quanto previsto per legge. Possiamo e dobbiamo approfittare di questo momento e, con i tanti soldi che il governo ha messo a disposizione, risolvere molte storture e criticità del nostro sistema sanitario Salernitano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.