Open Source per la didattica



L’emergenza Coronavirus ha costretto la scuola ad affrontare una sfida importante e impegnativa, quella della didattica a distanza.

Una sfida che ha colto insegnanti e studenti di sorpresa e nella totale impreparazione, tuttavia con tanta voglia di rimboccarsi le maniche per non lasciare andare la comunità scolastica al suo destino e mantenere la continuità educativa.

Tutte le scuole, tutti gli insegnanti e tutte le famiglie si sono impegnati per sfruttare le tecnologie, le piattaforme, le app anche se prima d’ora non avevano mai avuto indicazioni ministeriali e piattaforme ufficiali fornite dal ministero per la didattica on line.

In questa piena emergenza si deve dare atto che tutti gli attori sono riusciti a organizzarsi al meglio per imparare velocemente a utilizzare le piattaforme e a sfruttarle per veicolare l’offerta formativa e mantenere unite le classi.

Dopo questo inizio turbolento, ora che la situazione si sta stabilizzando e comprendiamo che la didattica on line non ci abbandonerà più, dobbiamo assolutamente iniziare a conoscere come funzionano esattamente le diverse piattaforme e come il loro funzionamento impatta sulle vite presenti e future di chi le usa, insegnanti, genitori e alunni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.