Inps: denunce e maxi multe nel Salento



62 multe amministrative per un totale di 200mila e 646 euro in Salento e la revoca del beneficio per chi lavorava in nero.

Questa è la dimostrazione che i controlli sono continui e, soprattutto, efficaci: non c’è scampo per chi prende il Reddito di Cittadinanza e poi lavora in nero.

Ricordiamo che oltre alle multe pesanti e alla revoca del beneficio, la normativa prevede anche la reclusione:

– da 2 a 6 anni di reclusione per dichiarazioni o documenti falsi al fine di ricevere il beneficio
– da 1 a 3 anni se non si comunicano variazioni che potrebbero comportare la revoca del beneficio o la sua riduzione.

Siamo sicuri che convenga davvero provarci?

I furbetti ci sono sempre stati, ma con le nuove norme e i controlli previsti dal Reddito di Cittadinanza, oggi nessuno può permettersi di prendere in giro lo Stato italiano e appropriarsi indebitamente di risorse destinate a chi ne ha davvero bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.